Stampa questa pagina

Entra in vigore la legge per favorire l'uso della bicicletta

Febbraio 09, 2018 Scritto da Co.Mo.Do.
Vota questo articolo
(0 Voti)

Disposizioni per lo sviluppo della mobilità in bicicletta: Legge 11/1/2018, n. 2: mobilità in bicicletta e realizzazione rete nazionale di percorribilità ciclistica. Entra in vigore il 15 febbraio 2018 la legge per favorire l'uso della bicicletta e la creazione di piste ciclabili.
Con i cammini, le ferrovie dismesse, le ferrovie turistiche, le ciclovie turistiche e Sistema ciclabile nazionale, lo stimolo ai Piani Urbani della Mobilità Sostenibile, c’è un quadro complessivo che viene presentato per dare una cornice legislativa a iniziative che erano già in campo e che sono rivendicate come scelte di presente per l'Italia, di economia nuova e di possibilità per tutti di godere sempre di più le​ città​. Il Governo 2013- 2017, ha favorito una rete di ciclovie turistiche di 6000 km con un finanziamento di 424 milioni.

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Promulga
la seguente legge:

Art. 1
Oggetto e finalità
1. La presente legge persegue l'obiettivo di promuovere l'uso della bicicletta come mezzo di trasporto sia per le esigenze quotidiane sia per le attività' turistiche e ricreative, al fine di migliorare l'efficienza, la sicurezza e la sostenibilità' della mobilita' urbana, tutelare il patrimonio naturale e ambientale, ridurre gli effetti negativi della mobilita' in relazione alla salute e al consumo di suolo, valorizzare il territorio e i beni culturali, accrescere e sviluppare l'attività' turistica, in coerenza con il piano strategico di sviluppo del turismo in Italia, di cui all'articolo 34-quinquies, comma 1, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, e con il piano straordinario della mobilita' turistica, di cui all'articolo 11, comma 1, del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2014, n. 106, e secondo quanto previsto dalla legge 9 agosto 2017, n. 128, in materia di ferrovie turistiche.
2. Lo Stato, le regioni, gli enti locali e gli altri soggetti pubblici interessati, nell'ambito delle rispettive competenze, nel rispetto del quadro finanziario definito ai sensi dell'articolo 3, comma 3, lettera e), e in conformità' con la disciplina generale dei trasporti e del governo del territorio, perseguono l'obiettivo di cui al comma 1, in modo da rendere lo sviluppo della mobilita' ciclistica e delle necessarie infrastrutture di rete una componente fondamentale delle politiche della mobilita' in tutto il territorio nazionale e da pervenire a un sistema generale e integrato della mobilita', sostenibile dal punto di vista economico, sociale e ambientale e accessibile a tutti i cittadini.
3. Le disposizioni della presente legge si applicano alle regioni a statuto speciale e alle province autonome di Trento e di Bolzano compatibilmente con i rispettivi statuti e le relative norme di attuazione.

Questo sito può avvalersi di cookie tecnici, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Privacy policy.
Mobilitadolce.org non utilizza cookie di rilevamento. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.